Tutto è iniziato con Komineas, sindaco di Astypalea, che si è recato al ministero dei trasporti e ha condiviso le sue opinioni su come dovrebbero essere i trasporti nelle isole in futuro. La mobilità sostenibile ha a che fare con le auto elettriche.

Il 4 novembre 2020 è stato fissato un programma con 4 pilastri:

  • Dare sussidi alla gente di Astypalea in modo che cambino le loro vecchie auto in quelle elettriche. Volkswagen ha proposto di vendere le auto senza profitto rappresentativo, il che significa la metà del prezzo che è ora. Lo stesso vale per scooter e biciclette ed è stato annunciato 2 giorni prima nella riunione di Governance.
  • Creare trasporti pubblici con autobus elettrici che includono la possibilità di prenotare un viaggio tramite telefono cellulare. Numero flessibile di autobus in quanto non c’è la stessa popolazione in inverno e in estate.
  • Car sharing a ore
  • Tutto questo al fine di ridurre il numero di auto, biciclette per le strade (da 1 500 a 1 000).
  • Creazione di una centrale ibrida per la produzione di energia elettrica
  • Rendere l’acqua potabile a tutti, in modo da cancellare il numero di bottiglie di plastica
  • Non sprecare l’acqua ma trasferirla agli agricoltori
  • Necessità di migliorare la struttura stradale
  • E’ importante rendere la popolazione parte del processo decisionale in modo che si senta coinvolta
  • C’è bisogno di spiegargli il tutto in modo che siano di supporto e non scettici
  • Bisogno fargli capire che tutto tornerà a loro.
  • È un’implementazione, non un esperimento.
  • La tecnologia moderna può supportare lo stile di vita tradizionale
  • Abbiamo bisogno di consumare meno perché non abbiamo affatto bisogno di tutto quello che consumiamo.
  • Questo progetto sarà un modello per il resto del mondo, non solo per le isole
  • La popolazione di Astypalea comprende e supporta l’idea perché è logica e ha senso

 

Pin It on Pinterest

WordPress Cookie Plugin by Real Cookie Banner